Buongiorno,
sono la mamma di A. La mia bimba ha avuto due otiti con complicazioni e la dottoressa mi ha consigliato di toglierle il ciuccio.A. ha appena compiuto i 18 mesi e non riesco a farle fare una scelta consapevole del tipo ‘regaliamo il ciuccio ai bimbi piccoli o alla fatina o simile’ e quindi ho seguito il consiglio della dottoressa di usarlo solo per la nanna e toglierlo dalla vista per il resto del tempo. Lei ha detto di toglierlo però quando si addormenta, in modo da farglielo tenere il meno possibile. Abbiamo cominciato venerdì a toglierlo e la prima notte è andata bene. L’ho lasciato comunque lì a disposizione, così quando si sveglia può metterlo per riaddormentarsi, poi di solito lo sputa da sola.

Tra sabato e domenica, però, abbiamo notato un drastico cambiamento nel suo comportamento: vuole stare sempre in braccio o comunque vicinissimo a me, prende un gioco e viene a sedersi in braccio a me per giocare e se io mi siedo a terra vicino a lei, viene a sedersi comunque sulle mie gambe.

Ovviamente io adoro tutti i suoi abbracci e mi rendo conto che un po le faccio da ciuccio, però ogni volta che mi alzo, scoppia a urlare e sembra che più io mantenga la calma e più lei urli. Ho preso appunti nel nostro ultimo incontro al nido in Bovisa e così la lascio stare, ma il peggio è arrivato la seconda notte. Dopo la solita routine prima della nanna, le ho chiesto se voleva il ciuccio e mi ha detto di si, ma appena gliel’ho dato, sembrava furiosa! Ha cominciato a sbatterlo via per tutto il lettino, se lo agganciavo lo tirava via e se lo toglievo io, peggio ancora. Dopo 3 ore, ha deciso che poteva far pace col ciuccio e si è addormentata sfinita.
Alle 3 si è svegliata di nuovo e sembrava non stesse bene, ma appena l’ho presa in braccio per vedere cosa aveva… tutto passato. L’ho coccolata e rimessa nel lettino e ha cominciato a piangere, a quel punto ho alzato la sbarra e sono andata via.
Ora arrivo alla domanda: considerato l’eta di Alessia, quale metodo mi consiglia per farle abbandonare il ciuccio? Come devo interpretare la scenata della scorsa notte? ho fatto bene poi ad andare via e lasciare che piangesse un pò da sola e si riaddormentasse da sola? Di solito aspetto accanto a lei finché non si riaddormenta, però mi sembrava davvero un capriccio per vedere chi era più forte e non volevo cedere per l’ennesima volta.
Cosa faccio se continua a voler stare in braccio? Devo assecondarla perché ha la mancanza del ciuccio o cercare comunque di staccarla un pochino? Premetto che lei NON ha preso alcun oggetto transazionale, non ha un giocattolo preferito né nulla di simile, anzi, prima di andare a nanna si preoccupa di togliere dal lettino tutti i pupazzetti.
Inoltre molto spesso quando torno a casa sono da sola e quindi non riesco a dedicarmi alla cucina, dato che mi sta sempre in braccio… il che non mi importerebbe, se non fosse per il fatto che così è la prima a non mangiare… dovrei farmi fare la schiscetta con gli avanzi del pranzo dal nido…
Grazie mille per i suoi consigli e buona giornata.

 

Gentile Signora,
togliere il ciuccio da un giorno all’altro ad una bimba di 18 mesi può avere significato per noi adulti (la salute), ma non per la bimba stessa che giustamente reagisce con i mezzi di cui dispone: quelli che noi chiamiamo capricci!
Un po’ per volta si tranquillizzerà al prezzo di alcune notti in bianco per tutti e di un maggior attaccamento diurno.
L’aspetto più impegnativo è il controllo dell’emotività di noi adulti: avere molta pazienza, moltiplicare le coccole, ma non cambiare le buone abitudini già acquisite, come non alzarla dal lettino durante le notte e farle compagnia senza prenderla in braccio. Il disagio della sua bimba è senz’altro inferiore all’intensità delle richieste inascoltate. Nel limite del possibile, voi genitori, cercate di dimostrare serenità e sicurezza, che sono di grande aiuto alla piccola.
Speriamo che nel frattempo non si ripetano le otiti!

ciuccio

Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

  • Buongiorno , vorrei chiedere un consiglio su come affrontare argomento pappa che per mia figlia è’ un tabù. Lavinia ha 4 anni fra pochi giorni , è’ splendida , vivace , affettuosa , alta 1,05 e peso 18 kg . Perfetta ( anzi , più della media ) secondo i 3 pediatri che l’hanno visitata . Ma non mangia nulla di nulla , oltre al suo latte ( in polvere perché più ricco di vitamine e vari) e per giunta nel biberon !!! Beve 3/4 biberon da 210 al di’ più pane – biscotti – crecker, e cioccolato . Una volta a settimana l’uovo e 2/3 volte la purea di frutta . Integro con Padiavit .
    Ha fatto svezzamento perfetto , completo di tutto . Poi il rifiuto totale dal nulla . Anche all’asilo ( Happy Child Milano 3) sta seduta a tavola ma senza assaggiare NULLA e mangia solo pane . È’ sicuramente un blocco mentale ma perché ??? Lei stessa ti dice : ” prima o poi mangerò come gli altri “. Non so che fare , seguo il consiglio del pediatra di non farne un dramma , ma in realtà sono preoccupata , anche se onestamente vedo che cresce bene comunque. Il padre ha fatto più o meno lo stesso fino a quasi i 5 anni , ma credo sia solo un caso …
    Grazie
    Beatrice C .

    Commento di Beatrice