L’organizzazione della giornata educativa e didattica tiene conto delle esigenze dei bambini che lo frequentano, in armonia con le necessità delle loro famiglie. 

La giornata prevede alcuni momenti definiti di routines – accoglienza, igiene, pasto, sonno, commiato – che si ripetono quotidianamente ad una determinata ora e che scandiscono il ritmo della giornata rendendola prevedibile agli occhi dei bambini. Altri momenti sono invece quelli legati alla sfera più prettamente “didattica” durante la quale i bambini hanno l’opportunità di sperimentare, conoscere, imparare attraverso le esperienze ludiche e la mediazione dell’adulto di riferimento (che prepara gli ambienti e sorregge la curiosità dei bambini in un contesto di continua relazione).

8,00 accoglienza

E' un momento ricreativo, profondamente significativo dal punto di vista relazionale: le educatrici dedicano tempi speciali ad ogni singolo bambino in entrata, mostrando interesse e gioia al bambino e alla famiglia per iniziare tutti con un reale buongiorno. I bambini si guardano curiosi e partecipano concitati e gioiosi alle canzoncine e filastrocche intonate dalle educatrici.

9,30 appello, educazione tempestiva (bits), canzoncine e attività

Il momento dell’appello è particolarmente importante per ogni bambino che, riconoscendosi nella fotografia mostrata e offerta al bimbo dall’educatrice, solletica un primo approccio d’appartenenza al gruppo e di positiva percezione di se stessi. Le brevi, ma varie attività rispettano i tempi e bisogni d’attenzione dei bambini più piccoli, per questo la loro proposta sarà diversificata nel tempo e intervallata da preziosi momenti di “coccole” e cura personalizzata.  

10,00 riposo e spuntino secondo le necessità

Nel rispetto dei tempi e bisogni dell’età, lo spuntino e il riposo mattutino rispecchiano la volontà di perseguire innanzitutto il benessere psico-fisico del bambino, curando con attenzione ogni particolare nelle modalità di cura scelte per accompagnarlo al riposo o all’offerta del cibo, pertanto anche questi momenti divengono profondamente preziosi per il bambino dal punto di vista affettivo e relazionale.

10,30 neuromotricità (esercizi gravitazionali), giochi di movimento, gioco libero, “cestino dei tesori”, attività sensoriali, inglese

Gli esercizi gravitazionali contribuiscono al rinforzo muscolare e allo sviluppo scheletrico, oltre a sollecitare un adeguato incremento dell’equilibrio necessario al bambino per muoversi e camminare in modo coordinato e sicuro. Ma la condizione necessaria risiede nella fiducia e nel riferimento affettivo verso l’educatrice che accompagnerà il bambino alla scoperta di movimenti innanzitutto divertenti e che rinforzeranno ulteriormente questo rapporto. Le altre attività avranno come principale obiettivo quello di stimolare la curiosità, il bisogno di scoperta e di conoscenza, attraverso proposte percettivo-sensoriali divertenti e stimolanti.

11.15 cambio e igiene personale

11.30 pranzo e gioco libero

12.40 preparazione all’uscita e alla nanna

Questi momenti di routines sono quelli che maggiormente permettono al bambino di sentirsi voluto bene e curato, anche in un ambiente non ancora familiare. Ogni pratica di cura è accompagnata verbalmente dall’educatrice che, con tono rassicurante, anticipa i gesti dell’accudimento; per rasserenare il bambino e ben disporlo verso le prime autonomie.

13,00 prima uscita o nanna

15,00 risveglio, cambio, merenda e preparazione all’uscita

Anche il momento dell’uscita (commiato) ricopre una rilevanza pedagogica non indifferente; il bambino torna tra le braccia dei genitori dopo una lunga giornata trascorsa al nido di cui l’educatrice racconterà aneddoti e aspetti determinanti per alimentare quella continuità scuola-famiglia tanto preziosa per la crescita serena del piccolo.

15,45 seconda uscita, educazione tempestiva e attività ludiche

Le attività di educazione tempestiva scandiscono la giornata e l’arricchiscono con momenti musicali, motori, euristici e di sviluppo linguistico, offrendo al bambino valide opportunità di scoperta e crescita.

16,00 doposcuola e terza uscita accompagnati da giochi e attività ludiche più distensive. 

I cambi e i momenti d’igiene personale ricorrono spesso durante la giornata, rispettando bisogni e ritmi fisiologici di ciascun bambino.

8,00 accoglienza

E' un momento ricreativo, profondamente significativo dal punto di vista relazionale: Le educatrici dedicano tempi speciali ad ogni singolo bambino in entrata, mostrando interesse e gioia al bambino e alla famiglia per iniziare tutti con un reale buongiorno. I bambini si salutano e iniziano a condividere liberamente alcuni momenti di gioco.

9,30 appello, calendario del tempo, educazione tempestiva, canzoncine e attività

La giornata inizia! Attaccare la propria foto sul cartellone dell’appello è una gioia immensa per ogni bambino che con soddisfazione “dichiara” la propria presenza e appartenenza al gruppo classe. 

Le attività di educazione tempestiva scandiscono la giornata e l’arricchiscono con momenti musicali, motori, euristici e di sviluppo linguistico (italiano e inglese), offrendo al bambino valide opportunità di scoperta e crescita di ogni sua dimensione: corporea, cognitiva, sociale, morale e affettiva.

10,00 spuntino

10,30 attività di educazione tempestiva e attività strutturate di progetto (d’italiano e d’inglese)

I bambini hanno una gran voglia di fare e scoprire. Tutte le iniziative partiranno dalla soddisfazione di questo bisogno naturale, con proposte di attività varie e divertenti seguendo un progetto annuale che darà un valore aggiunto a questi momenti di creazione e conoscenza nei quali l’apporto personale di ciascun bambino sarà l’essenza stessa dell’esperienza. Oltre alle attività di progetto in lingua inglese, l’educatrice parlerà in inglese anche durante i momenti di routines agevolando l’acquisizione della seconda lingua in modo naturale e spontaneo. 

11.15 cambio e igiene personale

I cambi e i momenti d’igiene personale ricorrono spesso durante la giornata, rispettando bisogni e ritmi fisiologici di ciascun bambino.

11.30 pranzo e gioco libero

12.40 preparazione all’uscita e alla nanna

13,00 prima uscita o nanna

15,00 risveglio, cambio, merenda e preparazione all’uscita

Questi momenti di routines sono quelli che maggiormente permettono al bambino di sentirsi voluto bene e curato, anche in un ambiente non ancora familiare. Ogni pratica di cura è assolta con meticolosa attenzione e accompagnata verbalmente dall’educatrice che, con tono rassicurante, anticipa i diversi momenti e le modalità più idonee per viverli con serenità, orientando il bambino verso le prime autonomie.

15,45 seconda uscita, educazione tempestiva e attività ludiche

Anche il momento dell’uscita (commiato) ricopre una rilevanza pedagogica non indifferente; il bambino torna tra le braccia dei genitori dopo una lunga giornata trascorsa al nido di cui l’educatrice racconterà aneddoti e aspetti determinanti per alimentare quella continuità scuola-famiglia tanto preziosa per la crescita serena del piccolo.

16,00 doposcuola e terza uscita accompagnati da giochi e attività ludiche più distensive.

8.00-9.30 accoglienza con gioco libero

E' un momento ricreativo, profondamente significativo dal punto di vista relazionale: la maestra dedica un momento speciale ad ogni singolo bambino in entrata, mostrando interesse e gioia al bambino e alla famiglia che iniziano con un reale buongiorno. I bambini si salutano e iniziano a condividere liberamente alcuni momenti di gioco.

9.30 circle time

Ogni bambino interviene raccontando qualcosa di sé, della famiglia o semplicemente un episodio speciale. E' un momento che aiuta il bambino nell'acquisizione della nozione spazio-temporale e simultaneamente rafforza la sinergia tra il proprio vissuto a casa e quello a scuola. La maestra sfrutterà questo momento anche per introdurre l’attività del giorno ponendo ai bimbi quesiti che stimoleranno in loro riflessione e ipotesi di lavoro che poi si andranno a verificare.

10.00 break di frutta

10.15 appello e calendario 

I bambini singolarmente intonando la canzone dedicata al “chi c'è oggi”  prendono consapevolezza di chi è presente a scuola e di chi è assente. A turno il responsabile del calendario del tempo (il "metereologo") aggiornerà la stagione, il giorno della settimana, il clima e il mese, affinando la sua percezione del mondo circostante e dei cambiamenti che lo caratterizzano.

10.30-11.30 educazione tempestiva e atività finalizzate

Educazione Tempestiva. bits e audizioni musicali di classica.

Le Attività Finalizzate: Inglese + Italiano. Ogni bambino si sperimenta in prima persona attraverso “il fare” dei campi d'esperienza, cimentandosi in attività laboratoriali correlate al Progetto didattico, sfondo integratore dell'anno. Allo stesso modo, in Inglese con le avventure accattivanti del progetto di Hocus & Lotus. Al termine delle attività ci sarà sempre un momento di rielaborazione personale dei bambini su quanto fatto attraverso diversi codici comunicativi (disegno, verbale etc..) sia in italiano, sia in inglese, questo per stimolare consapevolezza, logica sequenziale e dimensione spazio-temporale.

Educazione Tempestiva: Percorso Neuromotorio nel quale movimento, sviluppo neurologico e divertimento si fondono in un'unica esperienza di elevata portata percettivo-sensoriale.

Gioco Libero/Giardino i bambini dopo una mattinata ricca di stimoli ed esperienze metabolizzando il tutto liberamente attraverso il gioco libero e il contatto con la natura, socializzando tra di loro e  mettendo a punto importanti strategie nelle dinamiche di gruppo.

11.40 momento di igiene personale 

Ogni bambino impara ad avere cura di sé e del proprio corpo, attraverso un'autonomia crescente anche nell'ambito dell'igiene.

12.00 pranzo

I bambini condividono questo importante momento, imparando a rispettare le regole ad esso attinenti e sviluppando un buon rapporto col cibo attraverso un'attenta educazione alimentare.  

12.40 gioco libero/giardino e igiene personale

13.00 riposo per i più piccoli. Momento di relax accompagnato da ninna nanna o musica dolce in sottofondo, nel quale i bambini si riposano e rigenerano, recuperando le energie spese nel corso della mattinata. attività per i più grandi, in particolare in preparazione alla scuola primaria o di sviluppo percettivo grafico.

15.00–16.00 educazione tempestiva (bits, audizioni musicali) e attività pomeridiane divertenti, ma meno impegnative dal punto di vista cognitivo: musica, racconti, drammatizzazione, puzzle, attività di scoperta in giardino, passeggiate didattiche…

16,00 uscita, curata nella relazione e nel passaggio di alcune brevi informazioni circa l'andamento della giornata dei bambini

16,30 merenda

Dalle 16,45 – fino all'uscita. Attività pomeridine (musica, racconti, drammatizzazione, puzzle, attività di scoperta in giardino, passeggiate didattiche…)