bimbo_malato

Tutti i genitori che lavorano sanno bene quanto la malattia di un figlio possa sconvolgere la loro routine. Non solo ci si preoccupa di un figlio che si sente male, ma occorre pensare a come assolvere le proprie responsabilità lavorative.

Avere un piano già pronto aiuta. Potete chiamare un famigliare o una baby sitter? Fare turni col vostro partner per stare a casa? Fare del telelavoro? Cancellare il viaggio mensile di vendita?
Quanto più il piano che sviluppate è specifico e fattibile, tanto meno la situazione apparirà di difficile gestione. Poi comunicate il piano al capo e ai colleghi. Dite francamente se vi serve più flessibilità, sottolineando allo stesso tempo la vostra dedizione: “Se Giacomino si ammala e ha bisogno di stare a casa, la nostra baby sitter dovrebbe riuscire a coprire fino alle 15. Poi avrò bisogno di andare a casa e lavorerò da lì per il resto del pomeriggio. Se salta fuori qualcosa di urgente mentre sono via dall’ufficio, per favore non esitate a chiamarmi”.
E, ricordate: perdere una riunione o lasciare un bimbo malato con la baby sitter può sembrare brutto, ma state facendo del vostro meglio.
Tratto da “How to Handle Work When Your Child Is Sick”, di Daisy Wademan Dowling.

#ISuggerimentiDiManagement

Un consiglio per le mamme da Harvard Business Review

 

Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*